Come Costruire un Computer per Fare Musica

Dicembre 22, 2018

Il tuo attuale computer fisso si blocca quando lo usi per fare musica? E’ troppo lento? Ha una latenza che non ti permette di lavorare agevolmente?

Leggi il nostro articolo e scopri quali caratteristiche deve possedere un computer adatto all’utilizzo nell’ambito delle produzioni musicali e potrai costruirne uno su misura!

Se non sei un mago dell’informatica, potrai comunque utilizzare le nostre indicazioni per fartene assemblare uno da un tecnico.

Perché costruire un computer su misura?

Durante la produzione di materiale audio, al computer viene richiesto di lavorare a pieno regime: deve infatti essere in grado di registrare e riprodurre molte tracce in tempo reale e senza latenza.

Non dimentichiamo che, su un computer di questo tipo, verranno installati numerosi programmi, plug-in ed eventuali strumenti esterni.

I computer in commercio sono generalmente studiati per offrire un utilizzo “normale”, per questo chi ha esigenze particolari, come i gamer o i produttori di musica, tende a costruirsi un macchinario “ad hoc”.

Esistono computer eccellenti, ideali alla produzione musicale, ma il loro costo è decisamente superiore a quello che potresti spendere assemblando una macchina in autonomia.

Portatile o fisso?

I computer fissi per fare musica sono preferibili rispetto ai portatili: essi possono essere aggiornati col tempo man mano che le esigenze dell’utente cambiano e si evolvono.

I fissi offrono inoltre una maggiore praticità: possono essere appunto assemblati in autonomia e sono meno soggetti al surriscaldamento.

Esistono tuttavia dei portatili per fare musica che vengono utilizzati con agio da vari utenti: tutto dipende dalle personali aspettative e dal tipo di produzioni che si devono/vogliono eseguire.

computer-fisso

Case

Il case è la “scatola” che andrà a contenere tutti gli elementi che servono al funzionamento del pc.

Quando si sceglie quale case acquistare, occorre tenere presente due fattori:

1) il case deve essere studiato in modo da poter offrire un ottimo flusso d’aria;

2) il case deve avere le dimensioni adatte a contenere tutti gli elementi di cui hai bisogno.

Puoi scegliere un case di dimensioni piccole se hai problemi di spazio, ma un modello di maggiori dimensioni ti assicura la possibilità di poter aggiungere componenti in futuro.

Un case grande permette inoltre di installare ventole più grandi e di avere spazio tra un componente e l’altro, che significa più agilità nell’assemblaggio e più spazio “vuoto” per il flusso d’aria.

Ventole

Le ventole spesso sono vendute insieme al case, ma in alcuni casi potrebbe essere necessario acquistarle a parte.

Il loro prezzo non è altissimo, ma al momento dell’acquisto la presenza o meno di esse può giocare un ruolo fondamentale nella scelta di un case piuttosto che un altro: un case economico senza ventole, potrebbe finire col costare di più di uno dal prezzo poco superiore, ma comprensivo di ventole.

 

ventole

Hard Disk

I file audio sono molto pesanti e il computer avrà bisogno di un buon hard disk in grado di far fronte non solo ad essi, ma anche a tutti i plug-in, al sistema operativo, ai software, …

Per un utilizzo amatoriale, che richiede solo la registrazione di un poche tracce per brano (ad esempio un cantautore che registra la chitarra e poi la voce) e utilizza in modo limitato i plug-in, può ancora essere sufficiente un hard disk “tradizionale” (detto HDD, unità a stato rigido) da almeno 500 GB.

Se stai valutando di costruirti un pc su misura, crediamo che le tue necessità siano già di diverso tipo e ti consigliamo quindi un’unità a stato solido da almeno 500 GB.

Gli SSD sono il nuovo standard attuale e sono molto più performanti rispetto ai tradizionali hard disk SATA.

Una caratteristica particolare degli SSD è la loro durabilità: essi hanno un ciclo di vita limitato che andrà tenuto sotto controllo per provvedere a cambiare disco al momento opportuno.

Il ciclo di vita non si misura in tempo (es. 1 anno, 3 anni, …), ma sulla base delle operazioni eseguite: si potrà quindi scrivere, cancellare, sovrascrivere un limitato numero di volte.

Se da un hard disk SATA danneggiato, un buon tecnico può recuperare i dati, questo non è possibile con gli SSD.

La percentuale di utilizzo sarà però facilmente controllabile dal computer stesso, che ti indicherà la percentuale di utilizzo e/o quella rimanente.

Dati i grandi problemi che si possono riscontrare in caso di danneggiamento di un SSD, è sempre consigliabile avere un disco di back up e, in alcuni casi, un sistema che utilizzi più dischi contemporaneamente.

Se devi registrare molte tracce per ogni sessione, usare plug-in a non finire e magari registrare anche più tracce contemporaneamente, dovresti infatti valutare una delle seguenti opzioni:

1) 2 SSD da 500 GB in configurazione RAID 1;

2) 4 SSD da 500 GB in configurazione RAID 5;

3) utilizzo dell’opzione 2 per le registrazioni, più un SSD da 1TB per i virtual instruments.

L’utilizzo di più SSD consente una maggiore velocità: immagina di essere da solo a portare uno scatolone pesante 30 Kg o di portarne uno solo da 15 Kg mentre il tuo amico ne porta un altro uguale: il cammino sarà meno faticoso e più veloce.

Disco di back up

Un disco di back up è sempre caldamente consigliato, ricorda non solo di procurartene uno, ma anche di effettuare il back up periodicamente!

hard-disk

Scheda Madre

La scelta della scheda madre è subordinata alla scelta degli altri componenti.

Ogni scheda madre è infatti progettata per accogliere determinati tipi e modelli di componenti e bisogna accertarsi di acquistare quella adatta.

Per un processore i7 puoi ad esempio utilizzare la LGA2011, ma esistono altre schede madri compatibili più economiche.

Anche le dimensioni sono variabili: una scheda madre ATX, che è lo standard, potrà quindi essere montata solo in un case ATX.

Risulta chiaro che case più piccoli devono essere scelte schede madri di dimensioni inferiori (esempio ITX), ma è meglio optare per una scheda madre standard ATX.

La cosa fondamentale è che la scheda in questione offra USB-C, numerose porte USB 3.0 e 3.1 e porte PCI-E.

Sebbene le schede madri offrano in genere delle slot SATA, fai prima una verifica e accertati che tali slot siano presenti e nella quantità da te desiderata.

Altra caratteristica fondamentale della scheda madre è la presenza di una scheda di rete (gigabit LAN) e di slot di memoria DDR4.

 

Processore

Se per un utilizzo a scopi musicali un processore i5 può essere adatto per i meno esigenti, chi desidera una soluzione pro dovrà puntare almeno a un processore i7.

Per un processore “top” e un budget alto, si può scegliere uno Xeon, oppure il nuovo i9 di Intel.

RAM e processore sono fondamentali per garantire la riproduzione di molte tracce audio con plug-in e virtual instruments, quindi investi in questi componenti.

I processori possono raggiungere temperature molto elevate, per questo bisogna procurarsi anche un dissipatore di calore per la CPU.

RAM

Una RAM con 16 GB di memoria risulta essere una scelta ottimale.

Chi vuole costruirsi un pc di livello superiore potrebbe già optare per 32 GB.

Attualmente le RAM in commercio sono le DDR4, molto più veloci e performanti delle ormai “vecchie” DDR3.

Scheda audio

Per le produzioni musicali si utilizzano schede audio esterne, grazie alle quali si possono registrare gli strumenti e le voci in modo digitale e tramite ingressi audio di qualità.

Il tipo scheda audio va tenuto in considerazione solo per quanto riguarda l’accertamento della compatibilità con il sistema operativo e le altre caratteristiche del pc.

Scheda-audio

Scheda video

La scelta della scheda video è importante anche per la produzione musicale.

Se è vero che si lavora con materiale audio, occorre tener conto del fatto che tutte le nostre operazioni vengono riprodotte su schermo: i transienti delle tracce registrate, la modifica dell’equalizzazione, l’inserimento di plug-in, …

Si consiglia quindi di utilizzare una scheda audio di almeno 1 GB.

Lettore CD/DVD

Con l’avvento delle chiavette USB avere un lettore CD/DVD pare non essere indispensabile.

Nel momento in cui costruisci il tuo pc valuta comunque di installare un lettore.

Poter leggere o masterizzare un CD/DVD potrebbe rivelarsi utile, non si sa mai: per esempio potresti voler importare delle vecchie sessioni masterizzate anni fa.

Alimentatore

Quanto potente deve essere l’alimentatore?

Per scoprirlo dovrai tirare fuori la calcolatrice e sommare l’energia richiesta da ogni singolo componente del pc.

In genere sono consigliati almeno 800 watt, mentre 1000 ti assicurano energia sufficiente anche in vista di aggiunte al tuo set up.

Tastiera e mouse

Una volta assemblato il pc ti serviranno anche un mouse e una tastiera.

In questo caso non ci sono particolari caratteristiche da rispettare, ma cogliamo l’occasione per ricordarti l’esistenza di mouse studiati appositamente per rendere le operazioni più comode durante la produzione.

Esiste ad esempio un mouse con una grande sfera: per muoversi sullo schermo non si deve muovere tutto il mouse, ma è sufficiente girare la grande sfera con un paio di dita.

Schermo

La scelta dello schermo è importantissima: passerai molto tempo davanti al pc e “più grande vedi”, più facile sarà operare sulle tracce musicali.

Puoi anche optare di utilizzare più di uno schermo, in modo da poterne impostare uno per visualizzare le registrazioni e l’altro per vedere invece la schermata del mixer.

In alternativa puoi anche usare il secondo schermo come “prolungamento” del primo.

Sistema operativo

Installare il software Windows è un’operazione molto semplice e guidata passo dopo passo.

Costruendo un pc da zero, Windows dovrà essere acquistato: assicurati di comprare la versione a 64 bit.

L’unico appunto da fare a riguardo è di verificare che la versione che installi sia compatibile con tutto il resto: DAW, strumentazione di produzione musicale

DAW

I software DAW sono quei programmi che permettono di registrare, utilizzare suoni e plug in, editare e mixare le tracce, …

La scelta di una DAW piuttosto che un’altra dipende dal budget (ce ne sono anche alcune gratuite) e dalle preferenze personali.

Ogni DAW può richiedere diverse specifiche per poter essere utilizzata su un determinato computer: controlla quindi che il pc che ti vuoi costruire rispetti questi requisiti.

Costruzione del computer

Ora che hai individuato e acquistato tutti i componenti più adatti alle tue esigenze, non ci resta che spiegarti come installare le parti del computer.

Ciò che ti serve sono un cacciavite a stella e della pasta termica.

La prima parte da installare è l’alimentatore. Questo passaggio è molto semplice, in quanto esso va semplicemente avvitato.

In seguito, posiziona le scheda madre su un tappetino di gomma e installa il processore facendo attenzione a maneggiarlo toccandolo solo sui bordi.

Tutto ciò a cui dovrai prestare attenzione sono le frecce sulla scheda madre e sul processore: falle corrispondere e blocca la CPU.

Passa ora alla memoria: alle estremità delle slot sulla scheda madre, ci sono delle linguette: premile verso il basso, inserisci la RAM, premi fino a sentire un “click”e rialza le linguette per bloccare la scheda di memoria.

Prosegui applicando la pasta termica (una goccia) al centro del processore, mettici sopra la ventola e collegala tramite il suo cavo alla scheda madre.

Aspetta una decina di minuti in modo che la pasta si fissi, poi inserisci la scheda madre nel case: facendo combaciare le slot della scheda con le aperture del case dovrebbe essere facile.

Segui le istruzioni dei singoli componenti, o cerca qualche video in rete per procedere con i collegamenti: vedere delle immagini ti renderà tutto molto semplice!

Avvita la scheda all’interno del case utilizzando i distanziali, poi passa all’installazione dei dischi (SATA, o meglio SSD) e al collegamento dei relativi cavi.

Installa (se presenti) la scheda video e la scheda audio.

Infine collega l’alimentatore alla scheda madre.

Ora non ti rimane che accendere e installare il sistema operativo, tutti i software e collegare le tue periferiche esterne.

Ricorda di svolgere ogni step di assemblamento del pc seguendo attentamente le istruzioni incluse nei prodotti.

Recensioni di prodotti, articoli, trucchi e altro ancora...